Il G7 in Italia : una raffica di annulli – 1

Il 43º vertice del G7 si è svolto al Palacongressi di Taormina (ME), in Sicilia il 26 e 27 maggio 2017.

In occasione dell’evento è stato emesso un francobollo celebrativo.

Ma anche diversi annulli a ricordo di particolari sessioni tenute in varie parti d’Italia.

 

BARI – G7 Economia

Supercortemaggiore : un marchio tutto italiano

Il cane a sei zampe è il marchio dell’ENI, da sempre associato al logo della compagnia e al logo di ciascuna azienda del gruppo, come l’Agip. L’autore del marchio, inizialmente attribuito al grafico milanese Giuseppe Guzzi che in realtà ne era solo il rifinitore, è Luigi Broggini; la paternità dell’opera gli fu riconosciuta solamente post-mortem.

Secondo l’interpretazione ufficiale della società, le sei zampe del cane simboleggiano le quattro ruote dell’automobile e le due gambe del guidatore.

Supercortemaggiore è una benzina raffinata e commercializzata dall’AGIP negli anni cinquanta e sessanta.

Il nome del prodotto deriva da quello del comune piacentino di Cortemaggiore, nel cui territorio venne rilevata nel 1949 la presenza di un giacimento di petrolio.

Francobollo caduto

Capita a volte di trovare un bollo accessorio indicante ” FRANCOBOLLO CADUTO ” o ” FRANCOBOLLO CADUTO E PERSO “

E non doveva poi essere tanto occasionale se ancora nel marzo 1948 le poste si premuravano di ricordare ai loro dipendenti che “al termine di ogni giro di vuotatura delle cassette di impostazione, e dopo estratte le corrispondenze, le sacche” dovevano essere “rovesciate allo scopo di recuperare i francobolli eventualmente staccatisi”.

Due operazioni alternative erano poi possibili: applicare i francobolli “sulle corrispondenze che presentavano evidenti tracce di essere state affrancate” oppure far sì che venissero “incollati su di un mod. 141, obliterati col bollo a date e trasmessi alla rispettiva Direzione provinciale” per essere inceneriti.

 

L’uomo di Altamura

L’Uomo di Altamura è uno scheletro di Homo Neanderthalensis scoperto il 3 ottobre 1993 nella grotta di Lamalunga, nei pressi di Altamura (BA), ed è datato tra i 128.000 e i 187.000 anni fa.

Inaugurata la rete museale per potre fruire ” a distanza ” di una visita virtuale al reperto senza causare alterazioni all’ecosistema della grotta che contiene lo scheletro.

Nave Ospedale “Ferdinando Palasciano”

In onore del medico Palasciano, che possiamo ritenere precursore rispetto a Dunant dell’idea del supporto in guerra ai feriti, la nave tedesca Konig Albert, requisita dalla marina Italiana, fu ribattezzata col suo nome.

Nel 1914, con lo scoppio della prima guerra mondiale, il König Albert si fece internare nel porto di Genova  per evitare la cattura da parte di unità della Royal Navy.

Agli inizi del 1916, nell’ambito della vasta operazione per il salvataggio dell’esercito serbo in ritirata attraverso i porti dell’Albania, la Regia Marina decise di dotarsi di tre ulteriori navi ospedale (oltre alle cinque già in servizio), ed una delle unità scelte allo scopo fu il König Albert, che divenne, con una capienza di 1000 posti letto, la più grande e capiente nave ospedale italiana.

Nel corso del suo servizio come nave ospedale la Ferdinando Palasciano effettuò complessivamente 46 missioni, trasportando in tutto 37.314 tra feriti e malati (la seconda nave ospedale italiana per numero di infermi trasportati).

 

 

Regie Poste Stampati Franchi

Nel regno di Sardegna fin dal 1851 era stata introdotta una tariffa di 2 cent. per i giornali sotto fascia. Come è noto però non venne emesso alcun francobollo di questo taglio, soprattutto perchè al momento il francobollo era considerato un optional. Per gli oggetti con tariffa ridotta per cui l’affrancatura anticipata era obbligatoria, negli uffici era previsto l’uso di speciali bolli con la dicitura “PERIODICI FRANCHI” o “STAMPATI FRANCHI“.