Francobolli assicurativi per le vie di mare

 

Un inventore olandese, tal Cornelis Van Blaaderen (1875-1933), aveva brevettato negli Stati Uniti un contenitore galleggiante, appunto chiamato in lingua olandese “drijvende brandkast”, come evidenziato nelle vignette dei nostri pezzi.

Nel 1920 il nostro inventore riuscì a spuntare un contratto con le Poste Olandesi; la costruzione degli involucri sarebbe stato a suo carico e da parte del governo sarebbe stata pagata una tassa per ogni chilo di corrispondenza trasportata. Ma ci si rese subito conto che la tassa pagata non riusciva a coprire i costi e quindi si stabilì che il mittente avrebbe pagato una tassa postale addizionale, il cui ricavato sarebbe stato diviso tra Van Blaaderen ( 5/8 ) e l’amministrazione postale (3/8 ).

Questi contenitori furono utilizzati soltanto sulle navi delle Linee Olandesi, nei tragitti tra la madrepatria e le Indie Olandesi, risultando alla fine solo queste due le nazioni che aderirono al trattato dell’U.P.U.

 

Mare nostrum

marenostrum1

Emesso da“ Il Comitato di Preparazione Civile per il Caso di Guerra” , organizzazioni a carattere locale sorte agli inizi del 1915 un po’ in tutta Italia allo scopo di provvedere ai bisogni della cittadinanza nel momento in cui fossero venute a mancare le “forze attive” mobilitate nel conflitto bellico. I relativi erinnofili emessi avevano il compito, che di solito hanno sempre avuto, di contribuire economicamente con la loro vendita a sostenere la causa.

Il primo TB Seal negli U.S.A.

BISSELLCi pensò Miss Emily Bissell, segretaria della Croce Rossa di Wilmington nello Stato del Delaware. Attraverso la sua associazione pensò di veicolare l’emissione  ottenendo però una scarsa adesione. Ciò non scoraggiò la nostra benefattrice che, dopo aver disegnato lei stessa la relativa vignetta, rivolgendosi ad una tipografia di Philadelfia, la Leonhardt & Son, ottenne a credito la stampa di 50.000 pezzi. Riuscì inoltre a farsi pubblicizzare l’evento e ottenne anche il permesso dal locale postmaster di Wilmington di effettuare la vendita all’interno dello stesso ufficio postale.

 

1907-11907-2

Come potete notare la vignetta è molto semplice: una croce rossa contornata da foglie di agrifoglio con al di sotto il classico “Merry Christmas”; ne esiste anche un secondo tipo che aggiunge all’augurio natalizio anche quello di un “Felice Anno Nuovo”. Realizzati con tecnica litografica misurano 19×19 mm perforazione 14 e furono prodotti in fogli di 19×12= 228 pezzi.

Messi in vendita il 16 dicembre del 1907 ebbero un tal successo che permise di raccogliere fino a 3.000 $, invece dei previsti 300$, integralmente devoluti all’amministrazione dell’ospedale.