The little church around the corner

eaton_05

Tra la 5° e Madison Avenue ci si imbatte nella “Chiesa della Transfigurazione” nota ai newyorchesi come “The little church around the corner”.  Il suo soprannome nasce all’indomani della morte nel 1870 di George Holland; ai suoi amici che  ne chiedevano i funerali, il parroco della vicina chiesa rispose negativamente essendo stato il defunto in vita un attore, categoria professionale ritenuta a quel tempo non degna di sacra sepoltura, e consigliò loro di recarsi “ in quella piccola chiesa dietro l’angolo “ dove forse sarebbero stati accolti. Da sempre questo luogo di culto ha svolta una politica di accoglienza per diseredati, emarginati e persone discriminate

Santa Ildegarda

santahildegarda

Recentemente iscritta nel catalogo dei santi da papa Benedetto XVI,  è ritenuta la prima donna tedesca che abbia abbracciato la professione medica.

Le sue opere, tra cui ricordiamo il “Simplicis Medicinae” e il “Compositae Medicinae”, presentano completezza ed esaustività, rivelando genialità e tipica intuizione femminile.

La Germania Federale la ricorda in questo bel francobollo che raffigura Ildegarda alle prese con una preparazione galenica.

San Bernardo da Mentone

 mentone1

 Nominato nel 1923 da papa Pio XI santo Patrono degli alpinisti e del soccorso medico in montagna lega indissolubilmente il suo nome oltre che al famoso valico alpino anche a quella razza canina così utile nei soccorsi.

Nasce nell’alta Savoia da nobile famiglia ed entra nell’ordine degli Agostiniani diventando Vicario Generale della Diocesi di Aosta. Avendo a cuore la sorte dei viaggiatori che a quel tempo incontravano grosse difficoltà nell’attraversare gli impervi valichi alpini, fa edificare due ostelli in cui trovare ricovero.

In questa emissione pro Croce Rossa del principato monegasco lo vediamo raffigurato mentre offre il suo soccorso ad un viandante sperduto tra la neve coadiuvato dal fido sanbernardo provvisto di borraccia.

Imhotep

faraoni06

Il suo nome significa “colui che viene in pace” e svolse funzioni di sacerdote e medico presso la corte del Faraone. Di lui si ricordano anche alcune opere architettoniche e alcuni trattati di astrologia; gli si attribuisce la costruzione della piramide a gradoni di Djoser presso Saqqara.

Nei papiri si riconducono a lui diverse terminologie anatomiche e la descrizione di molte malattie. C’è traccia di una scuola di medicina da lui fondata a Memphis,ben 2200 anni prima della nascita di Ippocrate.

La visita del malato, la relativa diagnosi e la successiva prescrizione erano spesso precedute da preghiere ed invocazioni; la preparazione dei “farmaci” veniva accompagnata da formula magiche che a volte venivano fatte recitare dagli stessi pazienti.

San Basilio

sanbasilio

Con un francobollo che raffigura un particolare di un bel mosaico bizantino, la Grecia nel 1959 ricorda san Basilio il grande. Nato in Cappadocia perfeziona i suoi studi medici a Costantinopoli e successivamente ad Atene. Dopo lungo peregrinare e osservando in ogni luogo una stretta vita monastica, ritorna in Asia Minore, dove fonda una comunità religiosa presso Annesi, sulle rive del fiume Iris.

Nell’ottica di valorizzare gli aspetti sociali della religione, in qualità di vescovo di Cesarea, sua città natale, fa costruire la “Basiliade”, che potremmo definire una “città-ospedale”, un imponente complesso architettonico formato da botteghe artigiane, scuole industriali, ospedali, case per medici ed infermieri, alloggi per poveri e ostelli per i viaggiatori.

I medici Cosma e Damiano

santimediciannullo2

conosciuti come i Santi Medici, i due gemelli, nati in Siria intorno al 250 d.C., dopo essersi convertiti al Cristianesimo, offrirono gratuitamente la loro assistenza ai più poveri; perseguitati e torturati rimangono illesi finchè non vengono definitivamente decapitati.

Mentre Cosma diventa santo Patrono dei medici, Damiano lo è per farmacisti e barbieri salassatori, pratica ancora invalsa sino a poco tempo fa.

L’iconografia ecclesiastica vuole il primo raffigurato con in mano un recipiente di vetro contenente urine, mentre il secondo mostra una scatola di medicinali.